Home Lo Spiegone Informatico Che cos’è l’aggiornamento The Merge di Ethereum?

Che cos’è l’aggiornamento The Merge di Ethereum?

Ethereum, la seconda più grande rete blockchain, ha completato la sua transizione ad un nuovo sistema per l’elaborazione delle transazioni il 15 settembre 2022 con The Merge. Il passaggio della rete da proof-of-work (PoW) a proof-of-stake (PoS) ha richiesto anni; tuttavia, le tempistiche mutevoli, i piani annullati e i messaggi contrastanti da parte degli sviluppatori principali di Ethereum hanno sollevato domande fondamentali su cosa significhi tutto ciò.

ethereum 2 the merge

Contenuto

Che cos’è The Merge?

The Merge, o “La fusione” in italiano,  rappresenta il passaggio della rete Ethereum alla proof of Stake (PoS), il suo nuovo sistema per l’autenticazione delle transazioni crittografiche. Il nuovo sistema sostituisce la prova di lavoro (o proof of work, PoW), un meccanismo ben più assetato di energia elettrica ed introdotto da Bitcoin.

Ethereum aveva già una rete PoS chiamata Beacon Chain (ed introdotta nel 2020), ma non era ancora stata utilizzata per l’elaborazione delle transazioni. Essa ha rappresentato essenzialmente solo un’area di staging per i computer che gestiscono la rete Ethereum per prepararsi all’aggiornamento PoS.

La transizione completa di Ethereum al PoS richiede la fusione della Beacon Chain (chiamata layer “Consensus”) con la mainnet PoW di Ethereum (il layer “Execution”). E quando è avvenuta la fusione? Il 15 settembre 2022 alle 6:43 UTC.

La Fusione non aveva una data e un’ora precise in cui sarebbe finalmente avvenuta. Ecco perché ogni blocco sulla rete PoW di Ethereum porta un numero di difficoltà che rappresenta quanto duramente devono lavorare i minatori per aggiungerlo alla rete. Invece di entrare in vigore in una data specifica, la fusione doveva entrare in vigore una volta che la difficoltà cumulativa di tutti i blocchi di Ethereum estratti raggiungesse un certo numero di “difficoltà terminale totale” (TTD).

La proof of Stake è migliore della proof of Work?

Secondo la Ethereum Foundation, l’organizzazione no-profit che finanzia lo sviluppo dell’ecosistema di Ethereum, la PoS ridurrà il consumo energetico di Ethereum di circa il 99,95%. I sostenitori di PoS affermano anche che il mining di PoW centralizza il controllo nelle mani di coloro che possono permettersi di acquistare fantasiosi impianti di mining di criptovalute. Dicono inoltre che PoS renda gli attacchi economicamente irrealizzabili e controproducenti.

I sostenitori di PoW ribattono che lo staking PoS comporta anch’esso i propri rischi di centralizzazione e sicurezza, consentendo agli attori malintenzionati di “acquistare” direttamente il controllo della rete. Sottolineano inoltre che PoS sia un sistema meno testato nel tempo rispetto al PoW, che si è dimostrato resistente come spina dorsale delle due maggiori reti blockchain (Bitcoin ed Ethereum pre-Merge).

Commissioni e velocità dopo The Merge

Non si prevede che le commissioni di transazione di Ethereum cambieranno a seguito di The Merge. I futuri aggiornamenti di rete, come danksharding e proto-danksharding , potrebbero aiutare a far fronte alle elevate tariffe di rete di Ethereum, ma questi aggiornamenti non sono previsti prima del 2023.

Il rimedio principale per i problemi relativi alle commissioni di transazione di Ethereum rimane il rollup : reti di terze parti come Arbitrum e Optimism che raggruppano le transazioni e le elaborano separatamente dalla rete principale di Ethereum.

Per quanto riguarda invece le velocità, in media, i blocchi Ethereum vengono emessi una volta ogni 13 o 14 secondi nel sistema PoW. Dopo la fusione, i blocchi PoS vengono invece emessi a intervalli regolari di 12 secondi. Questo non è un miglioramento che la maggior parte degli utenti noterà, e colloca ancora Ethereum dietro reti blockchain rivali quali Solana e Avalanche (anche se ben più veloce di Bitcoin, dove in media viene estratto un nuovo blocco ogni 10 minuti ).

Posso diventare un validatore o fare staking di Ethereum dopo The Merge?

La risposta è si, se hai qualche ETH nel tuo wallet. Puoi fare “stake” con 32 ether e guadagnare ricompense. Se da un lato 32 ETH sembrano una cifra proibitiva visti i prezzi odierni, è anche vero che dall’altro potrai sommare i tuoi ETH a quelli di altri utenti in modo da raggiungere la fatidica cifra di 32 ed ottenere così ricompense di staking.

Quelli con meno esperienza in blockchain possono fare staking tramite servizi centralizzati come quelli offerti da Coinbase (COIN) o Kraken. Oltre a gestire il nodo tecnico, questi servizi, in cambio di una riduzione dei premi degli utenti, aprono lo staking anche a chi ha meno di 32 ETH.

Popolari anche per chi ha meno di 32 ETH sono i pool di staking liquidi come Lido e Rocket Pool. Quando gli utenti fanno staking tramite questi servizi, ricevono token che vengono scambiati con un leggero sconto rispetto al normale ETH.

La rete Ethereum è stata “messa in pausa” per effettuare La Fusione?

No. La fusione è avvenuta istantaneamente dopo che l’ultimo blocco PoW è stato minato. Da quel momento in poi, la rete ha continuato a funzionare con l’emissione del primo blocco PoS. Gli utenti di Ethereum non hanno dovuto intraprendere alcuna azione per passare alla catena PoS.

Dopo la fusione, gli sviluppatori principali di Ethereum continueranno a lavorare sulla rete open source come hanno fatto prima, con miglioramenti alle tariffe di rete, velocità e sicurezza previsti per i mesi e gli anni a venire.

Un obiettivo per gli sviluppatori dopo la fusione sarà lo sharding , che mira ad espandere il throughput delle transazioni di Ethereum ed a ridurne le commissioni distribuendo l’attività di rete su diversi “frammenti”, quasi come fossero delle corsie su un’autostrada. Aggiornamenti di questo tipo erano inizialmente previsti per accompagnare il Merge, ma sono stati deprioritizzati con il successo dei rollup.

Anche sulla tabella di marcia è sancita la separazione dei costruttori proponenti (PBS), che separerà i “costruttori” che aggiungono transazioni ai blocchi dai “proponenti” che li presentano per l’approvazione dalla rete. PBS è pensato come un modo per aiutare ad affrontare il problema del valore massimo estraibile (MEV) di Ethereum.

Cosa succede al mining proof-of-work dopo The Merge?

Dopo la fusione, i minatori di Ethereum, molti dei quali hanno investito in grossi computer ottimizzati per il mining, non saranno in grado di estrarre nuovi blocchi sulla rete. Molti minatori abbandoneranno il mining e faranno “stake” di ether per guadagnare ricompense sulla rete PoS.

Coloro che desiderano continuare a utilizzare il proprio hardware di mining, dovranno passare a un’altra rete di proof of work, come ad esempio è Ethereum Classic.

Alcuni miners pianificano anche di creare una versione “forked” della blockchain proof-of-work, in pratica un clone della blockchain che funziona ancora utilizzando il vecchio sistema miner-friendly. Anche se non è chiaro se queste catene otterranno una trazione sufficiente per diventare redditizie per i minatori a lungo termine…