Home Ultime Notizie Il calcio europeo si avvicina alle criptovalute

Il calcio europeo si avvicina alle criptovalute

E’ ripartito – pur tra dubbi e incognite – il campionato di calcio di Serie A, cercando di dare un segnale alla collettività che una convivenza con la crisi pandemica sia possibile.

Le società, pertanto, si sono attrezzate cercando di trascorrere una stagione sportiva il più simile possibile alle precedenti, lavorando sia sul piano tecnico -acquistando calciatori e allenatori- che sul piano finanziario,  elaborando dei business-plan utili a generare reddito per la società.

Tra le manovre utili a migliorare il bilancio delle società, l’acquisizione di nuovi sponsor e partnership. Dal punto di vista crittografico, le news sono rilevanti, dal momento che sempre più società di calcio si affiancano a realtà appartenenti al mondo delle criptovalute.

Lazio e Bitcoin

In Italia, l’ultima realtà che ha affiancato una società calcistica del nostro paese  è la Stormgain, definito “official crypto trading partner” della S.S.Lazio per i prossimi 2 anni (fino al 30 giugno 2022).

L’azienda britannica Stormgain, nata nel 2019 ed operativa in oltre 100 paesi (con base a Cipro), è una piattaforma che si occupa di trading di criptovalute.

A causa del panorama normativo non ancora del tutto chiarissimo, il marchio Stormgain non sarà visibile sulla maglia di gioco, ma verrà esposto in varie forme durante le partite dei biancocelesti nella Champions League (nella stagione 2020/21).

La partnership tra Lazio e Stormgain, curata dall’advisor marketing “Infront Italy”, ha lo scopo di aiutare il club di Lotito ad ampliare il proprio panorama internazionale, magari con l’implementazione di strumenti digitali che connettano società e tifosi. Nella precedente stagione Stormgain è stato, con grande soddisfazione, uno degli sponsor del Newcastle United nella Premier League inglese.

Calcio ed eToro

Fioccano gli accordi tra eToro (che, lo sappiamo, è uno dei brand di maggiore rilievo all’interno dell’universo crittografico) e le società di calcio europee. E’ di pochi giorni fa, infatti, la notizia della partnership siglata tra eToro e AS Monaco (una delle società di spicco delle Ligue1 francese) fino al 2022.

Non è la prima volta che eToro si affianca ad una società calcistica di prim’ordine, essendo già partner di svariate società della Premier League inglese: ad oggi, infatti, eToro ha accordi con l’Everton di Ancelotti e con l’Aston Villa. Non solo: per questa stagione, eToro ha annunciato altre importanti sponsorizzazioni sempre nel contesto del prestigioso campionato inglese. Sono il Southampton, il Tottenham Hotspur, il Crystal Palace ed il Leicester a potersi fregiare dello stemma della prestigiosa società di trading con sede a Cipro. L’investimento complessivo di eToro nella Premier League è pari ad addirittura 12 milioni di euro.

L’ingresso di eToro all’interno della Premier League è avvenuto due stagioni fa, nella stagione 2018, con le sponsoriship iniziali di Brighton & Hove Albion, Cardiff City e Newcastle United . La particolarità principale di questa tipologia di sponsorizzazione è nella modalità di pagamento: i contratti – infatti – sono regolati in Bitcoin.

Il motivo principale che ha spinto eToro – piattaforma leader nel social trading e specializzata nell’intermediazione di Bitcoin – vi è sicuramente il forte appeal della Premier League all’estero, dove in svariati paesi del mondo risulta essere il primo prodotto calcistico appetibile per i network tv.  Tale aspetto mediatico ha generato la scelta di investire, in misura massiccia, sulla Premier League.

Vedremo se eToro sbarcherà anche in Italia, nella nostra Serie A.