Madonna diventa un NFT: la cantante e il cripto artista Beeple per un progetto a sostegno dei bambini

Sempre più spesso per garantire l’unicità, e dunque il valore, di un’opera d’arte, di una foto, di un video, si ricorre all’utilizzo di NFT. Un NFT, per esteso non fungible token, è di fatto un token non scambiabile, unico e non replicabile. Questo permette, dunque, di garantire che l’opera acquistata sia originale e non una copia contraffatta. Le implicazioni, va da sé, sono molteplici, soprattutto quando si tratta di opere facilmente riproducibile come può essere una foto o un video.

Ecco perché Madonna, in collaborazione con l’artista di opere cripto più quotato, Beeple, hanno deciso di realizzare sì un’opera d’arte digitale, ma soprattutto un NFT che funga da certificazione.

Andiamo a scoprire di che si tratta.

Mother of Creation: l’opera d’arte digitale creata da Beeple e Madonna

Una collaborazione davvero particolare, quella che vede legati la più celebre cantante pop del Mondo, Madonna, all’anagrafe Madonna Louise Veronica Ciccone, e l’artista cripto Beeple, pseudonimo di Mike Winkelmann. Il loro sodalizio artistico ha portato alla creazione di tre video digitali incentrati su di una riflessione profonda e dettagliata sui concetti di creazione e di nascita. Non solo, quindi, l’esperienza del venire al Mondo, ma anche quella più profonda della creazione di una nuova vita viene portata in scena, se così si può dire, dai due artisti.

Nello specifico, dunque, i tre video trattano ognuno un tema principale sempre legato alla concezione della creazione. In Mother of Creation, di fatto, si vedono tre modi diversi di intendere la figura della madre: nel primo, dal titolo Mother of Nature, si ha la concezione naturale di madre natura, come genitrice dell’umanità e della natura, infatti si può vedere come Madonna riesca a dar vita ad un albero che cresce e fiorisce in modo rigoglioso nonostante le intemperie e le avversità; nel secondo, Mother of Evolution, si indagano i processi di creazione ed evoluzione, simboleggiati dalle farfalle generate dalla cantante americana, in un contesto post apocalittico; nel terzo, infine, Mother of Technology, la pop star è nel mezzo di una foresta e dà vita a dei millepiedi, che in realtà sono dei robot, ma che si integrano perfettamente nel contesto naturale che li circonda, a raffigurare in modo metaforico quanto la scienza e la tecnologia siano importanti per il Mondo, purchè siano usati e sviluppati con coscienza e cognizione di causa, sempre nel rispetto della natura che ci ospita.

I tre video possono essere anche acquistati separatamente e sono stati messi all’asta sulla nota piattaforma SuperRare. I proventi ottenuti dalla vendita verranno destinati in beneficienza a tre organizzazioni no profit scelte dagli artisti, in favore dei bambini: si tratta di The Voices of Children Foundation, The City of Joy e Black Mama’s Bail Out.

L’opera all’asta su SuperRare: la cripto arte è sempre più quotata

Fino a qualche anno fa sarebbe stato impensabile battere all’asta, tra l’altro a cifre davvero notevoli, opere di arte digitale, figuriamoci opere di arte cripto.

Oramai, invece, la cosa non ci stupisce poi molto, basti pensare che lo stesso Beeple ha visto la sua opera Everydays-The first 5000 days essere messa all’asta da Christie’s lo scorso anno e venduta per una cifra enorme, pari a quasi settanta milioni di dollari.

Un altro esempio di quanto gli NFT e la cripto art stiano diventando popolari e apprezzati ce lo offre una gif, quella raffigurante Nyana Cat, venduta dal suo stesso autore, Chris Torres, per 300 Ethereum lo scorso anno, dalla galleria d’arte digitale Foundation. La gif non era certo appena stata realizzata, anzi aveva ormai più di dieci anni, ma lo scorso anno Torres aveva deciso di associarla ud uno specifico NFT in modo da renderla di fatto un unicum.