Home Ultime Notizie Rinasce Napster con la blockchain

Rinasce Napster con la blockchain

Quando si parla di blockchain e criptovalute, la mente va subito ad associazioni di idee legate al futuro, alla tecnologia assoluta. Questo è certamente vero, ma a volte la blockchain viene utilizzata anche per rispolverare il passato. Chi ha più di trent’anni non può aver dimenticato Napster e il suo servizio streaming che consentiva di scaricare musica gratuitamente, senza dover quindi acquistare i CD. Il tutto non era
limpidamente legale, anzi, ma pare che oggi sia arrivato il momento di riabilitare il brand.
Andiamo a vedere perché.

Napster: un nuovo token per ripartire dopo il lungo periodo di stop


Per i nostalgici di fine anni novanta, sentir parlare di Napster fa sicuramente effetto: il sito streaming musicale era stato attivo, infatti, tra il 1999 e il 2001, quando era stato chiuso in seguito a una decisione giudiziaria che riteneva Napster colpevole di violazione ripetuta di copyright (la causa era stata intentata niente meno che dai Metallica). Successivamente il sito era diventato a pagamento, decisione che l’ha
portato praticamente nell’oblio.
Novità positive, invece, sono giunte pochi giorni fa, quando è stato annunciata l’acquisizione dell’ex servizio peer-to-peer da parte di Algorand: ora, infatti, dopo più di vent’anni, l’ex portale musicale non del tutto legale, diventa una piattaforma streaming su base blockchain, legittima e regolare; successivamente si pensa che verrà anche emesso un token dedicato, dal nome presunto di $NAPSTER, curato da Napster
Innovation Foundation
, una società appena creata. La presenza della blockchain e il prospettarsi della creazione di un NFT legato a Napster portano a supporre che il nuovo portale possa offrire agli utenti esperienze immersive, virtuali e probabilmente legate ai social network e al metaverso. La proprietà mette comunque già le mani avanti, annunciando che si aspettano di vedere i primi frutti di questa strategia nel
lungo periodo, non cercando quindi una risposta immediata.

Algorand sempre più presente: non solo Napster, accordo siglato anche con FIFA


Prima di lanciarsi nell’acquisizione di Napster, Algorand ha stretto in tempi recenti una partnership con FIFA, la Fédération Internationale de Football Association. L’obiettivo della blockchain è di essere di supporto a FIFA per lo sviluppo di una strategia mirata sugli asset digitali con una soluzione ufficiale per i wallet di criptovalute, oltre ovviamente al supporto per le campagne pubblicitarie e al marketing sui canali
social. Inoltre, Algorand sarà anche lo sponsor ufficiale dei prossimi mondiali di calcio in Qatar. La blockchain di Algo sarà, infine, lo sponsor ufficiale della Coppa del Mondo Femminile FIFA Australia e Nuova Zelanda per l’anno 2023.
Come se non bastasse, Algorand spinge sempre di più sui token non fungibili, i meglio noti NFT: un esempio eclatante quanto virtuoso è quello che vede collaborare la blockchain creata da Silvio Micali con Australia Zoo Wildlife Warriors, per la creazione di una serie di NFT commemorativi di Steve Irwin, noto ai più come The Crocodile Hunter, scomparso prematuramente. I token hanno lo scopo di sensibilizzare le persone sulle tematiche ambientali: non va dimenticato, difatti, quanto in Algorand siano attenti ai temi legati al green e all’ecologia.

Precisazioni su Algorand: breve ripasso sulla blockchain più green che esista


Dopo tutte queste informazioni, però, forse è giusto riportare anche qualche informazione più precisa sull’essenza stessa di Algorand: si tratta per l’appunto di una blockchain proof-of-stake nota, come abbiamo appena avuto modo di vedere, per la sua attenzione all’ambiente. Algo viene creata nel 2017 dal professore del MIT Silvio Micali, che da allora ha sempre lavorato per creare una blockchain pubblica, senza
autorizzazioni, al fine di giungere ad una politica economica senza barriere e confini.
Riassumendo, quindi, possiamo affermare che i tre cardini di Algorand sono, senza dubbio, la scalabilità, il decentramento e la sicurezza: secondo Micali, infatti, solo facendo convivere questi tre aspetti in perfetta sincronia si potrà avere una criptovaluta davvero performante.