Home Ultime Notizie Nuove vette per la capitalizzazione di mercato cripto

Nuove vette per la capitalizzazione di mercato cripto

Questi sono sena dubbio dei giorni da ricordare per i mercati delle criptovalute. La corsa al rialzo alla quale ognuno di noi sta assistendo ha spinto la capitalizzazione globale di mercato a toccare quasi i 1500 miliardi di dollari. 

L'impennata è arrivata grazie anche al traino dato dall’ascesa di Bitcoin (che è la criptovaluta con la capitalizzazione maggiore al momento) fino ad una cifra di quasi 50 mila dollari al pezzo, battendo l'ennesimo record in pochissimi giorni ed assestandosi sui livelli cd. “all time high” (i massimi di sempre).

Capitalizzazione cripto che insidia le grandi istituzioni bancarie

Il risultato dei descritti guadagni di mercato propone ora una capitalizzazione di mercato, anche guardando solo Bitcoin, di una cifra che si avvicina ormai ai mille miliardi di dollari americani. In prospettiva si può affermare che ciò consegna a Bitcoin una capitalizzazione complessiva superiore addirittura a quella di colossi bancari quali JPMorgan Chase, Bank of America e Citigroup messe insieme. È possibile dare uno sguardo ai dati appena esaminati molto facilmente grazie al sito CoinMarketCap, che abbiamo in passato già recensito a questo link.

Anche la criptovaluta Ethereum è cresciuta fino a livelli che la assestano su capitalizzazioni superiori ad alcune delle più grandi istituzioni finanziarie del mondo durante questo recentisimo uptred generale. Grazie al crescente sentimento positivo che gravita attorno al fatto di poter divenire la rete decentralizzata per dApps più grande al mondo, ha trascorso gli ultimi dieci giorni su prezzi al di sopra dei 1500 dollari. Naturale conseguenza è vedere Ethereum con una capitalizzazione di mercato superiore ad autorità bancarie note quali ad esempio HSBC, Wells Fargo e Bank of China.  

La stablecoin Tether, ed altre monete digitali quali Polkadot Cardano sono tutte sui livelli delle prime 50 maggiori istituzioni finanziarie globali. Tali circostanze sollevano dunque un quesito interessante: siccome l'influenza di Bitcoin cresce in tutto il mondo e con esso anche le altre criptovalute, come gestiranno ora il fenomeno i vari governi ed autorità di regolamentazione? La recente storia di WallStreetBets potrebbe fornire alcuni indizi. 

Conseguenze per i principali attori di Bitcoin?

Ora che la polvere si è depositata sullo short squeeze di GameStop, i regolatori del Massachusetts hanno citato in giudizio Keith Gill, uno dei leader che su Reddit aveva incoraggiato i trader a far salire il prezzo della compagnia di videogames. La ragione? Gli investigatori vogliono sapere se il boom delle azioni di GameStop ha violato i regolamenti sui titoli americani e se persone come Gill sono state autorizzate a fornire tali consulenze finanziarie. Gli avvocati hanno posto domande anche ai miliardari come Elon Musk e Michael Saylor, che sono stati determinanti nell'aiutare l'aumento dei prezzi di Bitcoin. Anche se sembra ancora esserci poco appetito a perseguire tali fenomeni, non è detto che ciò potrebbe cambiare in futuro. Regolatori e governi non possono frenare Bitcoin ed Ethereum da soli, ma possono certamente rendere la vita più difficile ai sostenitori più in vista.

Capitalizzazione del settore tecnologia a Wall Street

Come per il settore della crittografia, è stato un altro giorno eccezionale anche per le azioni statunitensi. Sia l'S & P 500 che il Nasdaq hanno chiuso con massimi record, mentre i titoli tecnologici hanno ancora una volta offerto guadagni consistenti per gli investitori. Nvidia Corp è cresciuta del 3,2% ed Intel Corp del 3,1% fino a rendere il settore tecnologico il migliore della giornata. Anche Mastercard e la Bank of New York hanno registrato progressi significativi una volta che hanno annunciato l'intenzione di incorporare le valute digitali nelle loro attività. Abbiamo dunque tutta una serie di risultati di utili molto più forti del previsto, con profitti aziendali che rimbalzano molto più rapidamente del previsto nonostante la pandemia in corso, che una tempesta perfetta possa presto abbattersi sugli investitori?