Nuovi record per Bitcoin, in attesa del 2021

E’ un finale d’anno, letteralmente, con il botto.

Non vi è asset, all’interno del mondo della finanza e del risparmio, che stia performando come in questi giorni sta facendo Bitcoin: la regina delle criptovalute, infatti, ha toccato il muro dei 28 mila dollari di valore, avvicinandosi sempre di più a quota 30 mila (quotazione che a questo punto pare sempre più prossima).

Un dicembre da record

Del resto, le condizioni per una “tempesta perfetta” c’erano tutte: partendo dall’halving di maggio, che ha generato una spinta propulsiva tra i miner, arrivando all’annuncio di PayPal (che da gennaio permetterà i pagamenti sulla sua piattaforma in Bitcoin e criptovalute) , passando per una devastante pandemia che ha paralizzato l’economia e rivalutato quelli che sono i beni rifugio, includendone anche le criptovalute, Bitcoin aveva approcciato dicembre 2020 a quota 19.600$, molto vicino al suo record storico datato dicembre 2017.

Dopo un paio di settimane di assestamento, il 16 dicembre BTC ha preso il volo, sfondando 20.000$ e continuando una corsa verso l’alto che, ad oggi, non sembra avere fine.

La corsa natalizia di Bitcoin

Infatti, pochi giorni prima di Natale abbiamo visto BTC toccare quota 24.200$ per la prima volta nella sua storia, per poi attestarsi su un range compreso tra dai 22.000$ ai 24.000$, ma poi negli ultimi tre giorni un’altra spinta è arrivata a condizionare nuovamente il prezzo verso l’alto. Il 25 dicembre si è infatti  toccato un nuovo record 24.700$, record poi superato il giorno successivo dalla nuova quota di 26.700$.

Per poi toccare quota 28.000$ nelle ultime ore. 

L’incremento percentuale fa paura: Bitcoin ha infatti avuto un aumento del 20% in soli tre giorni; la performance mensile, numeri alla mano, è del circa 40%. Il rendimento annuale, invece, è del 271%. Numeri veramente clamorosi.

Immagine da Coinmarketcap

Cosa aspettarsi da Bitcoin nel 2021?

Ci si interroga ovviamente, nelle community dedicate alle criptovalute e al Bitcoin, su cosa aspettarsi nei prossimi dodici mesi.

Fare una previsione oggi sul prezzo che BTC potrebbe raggiungere risulta difficile, data la piena fase espansionistica che stiamo vivendo: tra qualche settimana si potrà essere più accurati.

Tuttavia, qualche aspettativa per il 2021 c’è, indipendentemente dal prezzo.

Il primo punto all’ordine del giorno è relativo alla regolamentazione: tanti paesi, come abbiamo visto in precedenza, si stanno adoperando per creare una legislazione utile ad accogliere sia fiscalmente che normativamente  Bitcoin e criptovalute all’interno della propria economia. In quest’ottica, il 2021 sarà un anno importante.

In seguito, poi, ci sarà da monitorare come le Borse mondiali accoglieranno i prodotti connessi a BTC: abbiamo visto, infatti, di come siano prossimi al lancio asset bancari (ETF o futures) basati sulle cripto monete: anche questo elemento, nel 2021, potrebbe contribuire alla crescita.

Infine, un occhio di riguardo dovrà andare alla concorrenza: ci sono monete che potrebbero affermarsi così tanto da minare (almeno parzialmente) la leadership di Bitcoin. Su tutte, il 2021 dovrebbe consegnare i natali a Diem, la cripto moneta di Zuckerberg (precedentemente conosciuta come Libra) che conferirà a tutti i possessori di Facebook di scambiarsi denaro digitalmente: l’impatto su Bitcoin e sulle criptovalute è tutto da monitorare.