PayPal: a breve pagamenti in Bitcoin

PayPal, lo sappiamo, è uno degli strumenti di maggiore importanza nel settore del trasferimento dei fondi dell’intera rete.

Abbiamo diffusamente parlato di PayPal in relazione a Bitcoin grazie all’apertura del CEO Dan Schulman, che a fine 2020 aveva annunciato che nei mesi seguenti con PayPal sarebbe stato possibile comprare e trasferire BTC e criptovalute in generale, dando un assist gigantesco al mondo crittografico.

Ma nelle scorse ore è arrivata una notizia destinata ad entusiasmare ulteriormente gli appassionati di criptovalute: da marzo, infatti, PayPal attiverà un servizio pagamenti per i commercianti basato su Bitcoin.

PayPal e i pagamenti in criptovalute

Il CEO di PayPal, Dan Schulman, ha recentemente annunciato un nuovo traguardo nel processo di integrazione tra la propria piattaforma e Bitcoin: ovvero, che entro la fine del primo trimestre 2021 verrà implementato sulla app PayPal anche la funzione relativa ai pagamenti con criptovalute. Non solo: le funzionalità relative alle criptovalute già esistenti (come acquisto, vendita e conservazione delle monete elettroniche) sono destinate ad essere estese anche al di fuori degli USA nei prossimi mesi.

Nello specifico, le parole di Schulman sono piuttosto eloquenti, e confermano anche la bontà dell’idea di aprirsi a Bitcoin e criptovalute:

“Abbiamo visto una risposta eccezionale dal nostro lancio dei servizi sulle criptovalute. Anche con aspettative iniziali elevate, il volume di criptovalute scambiato sulla nostra piattaforma ha ampiamente superato le nostre previsioni. Siamo entusiasti di sfruttare questo successo iniziale consentendo ai clienti di utilizzare il loro saldo in criptovaluta come fonte di finanziamento ogni volta che fanno acquisti presso i nostri 29 milioni di commercianti”.

 

Schulman poi continua:

Prevediamo che il lancio di tale opzione inizi alla fine di questo trimestre e speriamo di lanciare il nostro primo mercato internazionale nei prossimi mesi. Questi passaggi iniziali sono solo l’inizio di una più ampia roadmap inerente criptovalute, blockchain e valute digitali. Stiamo al lavoro con le autorità di regolamentazione delle banche centrali per reinventare e plasmare la prossima generazione del sistema finanziario poiché i consumatori non desiderano più gestire il contante”.

E’ stato inoltre reso noto che tali implementazioni verranno estese anche all’app “figlia” di PayPal, ovvero Venmo.

Un altro elemento piuttosto interessante, in questa vicenda, è la constatazione che gli utenti PayPal stiano utilizzando la loro app con molta più frequenza rispetto a quanto non lo facessero prima. Il motivo è evidente: molti neofiti nel settore cripto, evidentemente, non riescono a non controllare il proprio saldo in valuta elettronica, che come sappiamo è destinato a salire e scendere in modo talvolta violento a causa della enorme volatilità di Bitcoin.

Earn Free Bitcoin

Bitcoin su PayPal

La notizia era arrivata a dicembre dello scorso anno, dopo dei “rumors” durati mesi: a partire dall'inizio del 2021, infatti, i clienti Paypal avrebbero potuto potranno spendere concretamente le proprie criptovalute (per effettuare acquisti o pagare servizi) negli oltre 29 milioni di attività al mondo che si avvalgono del servizio.

Il giro di affari destinato a concretizzarsi è enorme, dal momento che PayPal ad oggi conta sull’esorbitante numero di ben 346 milioni di account attivi che – solo nel secondo trimestre 2020 – hanno movimentato pagamenti per un totale di ben 222 miliardi di dollari.