La Borsa di New York ha i suoi NFT

Gli NFT sbarcano alla Borsa di New York.

In queste settimane si fa un gran parlare di NFT, ovvero token crittografici utilizzabili per rappresentare la proprietà di un qualsiasi oggetto. Dalle opere d’arte, agli oggetti da collezione, o persino gli immobili. Questi possono avere un solo proprietario alla volta e sono messi in sicurezza dalle varie piattaforme di smart contract che sfruttano a tali scopi la tecnologia blockchain: nessuno può modificare o duplicare la proprietà di un NFT.

Gli NFT alla Borsa di New York

E da questa settimana anche al NYSE (la celebre Borsa di New York) accoglie gli NFT. Nella giornata del 13 aprile ha annunciato infatti la realizzazione e commercializzazione dei propri Token Non Fungibili.

In prima istanza, la Borsa emetterà 6 tipologie di token ( basati sulle 6 principali IPO del 2021, anno non florido per il mercato azionario che ha visto comunque l’ascesa di alcune realtà), che nello specifico  ricordano la quotazione delle aziende Unity, Coupang, Snowflake, Spotify, Roblox e Doordash. Con la promessa, peraltro, che questo sia solo l’inizio e la NYSE continuerà produzione e realizzazione degli NFT a tema borsistico nel prossimo futuro.

Cosa rappresentano questi NFT?

L’annuncio di questa produzione è arrivato tramite il  presidente del NYSE Stacey Cunningham, che spiega come questi NFT rappresentino “il momento esatto durante il quale le aziende sopracitate sono diventate effettivamente public”, ovvero (basandosi sulla terminologia borsistica) hanno iniziato ad essere scambiate appunto sui mercati azionari regolamentati.

E la loro presenza immortala così un momento unico della storia di una compagnia, ovvero quello di vedere commercializzato il proprio asset.

Cosa si vede in questi NFT?

Soggetto prevalente di questi NFT è una campanella, ovvero l’elemento iconico che viene suonato appena vengono aperte le contrattazioni e le coordinate digitali che delineano il cosiddetto “First Trade”, ovvero il primo scambio mai avvenuto di titoli dell’azienda.

Come acquistare gli NFT?

La procedura per acquistare gli NFT della Borsa di New York non è ancora del tutto chiara. L’unica cosa certa è che NYSE si appoggia al celebre exchange Crypto.com, che a sua volta sta già ospitando svariati altri NFT che hanno avuto successo, come quello inerente la Formula Uno dedicato alla Aston Martin.

Al momento i token sono contenuti nell’account NYSE di Crypto.com, e si presume che a breve possano venire messi in vendita.

La scelta di Crypto.com non è casuale, dal momento che si sta affermando come una delle realtà più famose nell’ambito degli NFT, e gli artisti che si sono appoggiati ad essa hanno avuto una certa soddisfazione in termini di diffusione.

La politica degli NFT, in ogni caso, è destinata a far parlare ancora molto di sé, dal momento che più soggetti (vuoi del mondo dell’arte, vuoi del mondo della finanza, dello sport o della musica) vi stanno ricorrendo: staremo  a vedere che succede.