Home La governance nelle blockchain

La governance nelle blockchain

La governance on-chain è un sistema per la gestione e l'implementazione delle modifiche alle blockchain di criptovaluta. In questo tipo di governance, le regole per l'istituzione delle modifiche alle piattaforme vengono codificate nel protocollo blockchain. Gli sviluppatori propongono modifiche tramite aggiornamenti del codice ed ogni nodo conseguentemente vota se accettare o rifiutare la modifica proposta dallo sviluppatore.

Comprendere la governance on-chain

Una rete blockchain è un sistema che contiene un registro distribuito simile ad un database condiviso. Le transazioni vengono registrate sulla blockchain e condivise con tutti i partecipanti. Ogni volta che viene eseguita una nuova transazione, è necessario aggiungere un nuovo blocco alla blockchain. Tuttavia, esistono protocolli di consenso che devono essere seguiti affinché la transazione sia considerata valida. I miner, chiamati anche nodi, verificano i dati immessi per assicurarsi che siano corretti e che i parametri relativi alla transazione siano stati tutti soddisfatti.

Una volta che i minatori hanno completato il processo di verifica, i risultati vengono inviati alla rete, e dopo la revisione da parte di altri nodi o partecipanti il consenso è stato raggiunto, e viene aggiunto un nuovo blocco alla rete. I minatori di solito ricevono un qualche tipo di compenso per i propri sforzi, che è chiamato commissione in un sistema Proof of Work (PoW).

I partecipanti alla governance on-chain

A differenza dei sistemi di governance “informale”, che utilizzano una combinazione di coordinamento offline e modifiche del codice online, i sistemi di governance on-chain funzionano esclusivamente online. Le modifiche ad una blockchain vengono proposte tramite aggiornamenti del codice. Le proposte di miglioramento per apportare modifiche alla blockchain devono essere presentate dagli sviluppatori. Un gruppo centrale, composto principalmente da sviluppatori, è responsabile del coordinamento e del raggiungimento del consenso tra le parti interessate. Tipicamente, la governance on-chain coinvolge i seguenti stakeholder: Minatori (che gestiscono i nodi e convalidano le transazioni); Sviluppatori (responsabili degli algoritmi blockchain); Utenti (che utilizzano ed investono in varie criptovalute).

Alle parti interessate nel processo vengono forniti incentivi economici per partecipare. Ad esempio, ogni nodo può guadagnare una riduzione delle commissioni di transazione complessive per il voto, mentre gli sviluppatori vengono premiati attraverso meccanismi di finanziamento alternativi.

I partecipanti ai nodi possono votare per accettare o rifiutare la modifica proposta. Tuttavia, non tutti i nodi hanno lo stesso potere di voto. I nodi con maggiori disponibilità di monete hanno più voti rispetto ai nodi che hanno un numero relativamente inferiore di partecipazioni. Se la modifica viene accettata, viene inclusa nella blockchain e definitivamente adottata come baseline. In alcuni casi di implementazione della governance on-chain, il codice aggiornato può essere ripristinato alla sua versione precedente qualora la modifica proposta non abbia ricevuto esito positivo.

Tipologie di governance on-chain

L'implementazione della governance on-chain differisce tra le varie blockchain. Ad esempio, Tezos utilizza una forma di libro mastro autocorrettivo. Le modifiche proposte vengono implementate nella blockchain ed implementate su una versione di prova della catena. Se le modifiche pianificate hanno poi esito positivo, vengono finalizzate in una versione finale della blockchain. In caso contrario, vengono ripristinati i parametri precedenti.

DFinity, una startup che utilizza blockchain per costruire quello che sostiene sarà “il più grande computer virtuale del mondo”, ha svelato un proprio piano per adottare una costituzione hardcoded sulla sua rete. La costituzione innesca azioni passive ed attive. Un esempio del primo potrebbe essere un aumento della dimensione della ricompensa per i blocchi, mentre il secondo potrebbe comportare la messa in quarantena di alcune parti della rete per aggiornamenti o rollback.

Gli attuali sistemi di governance di Bitcoin ed Ethereum sono cosiddetti “informali”. Sono stati cioè progettati con un'etica decentralizzata, e promulgata per la prima volta da Satoshi Nakamoto nel suo articolo originale. I critici di tale sistema affermano però che questa forma di governance informale è, in effetti, centralizzata tra minatori e sviluppatori, ed indicano come prova due importanti fork avvenuti nell'ecosistema delle criptovalute. Vediamoli qui di seguito.

La fork di Ethereum

La prima è una divisione della blockchain di Ethereum originale in Ethereum Classic (ETC) ed Ethereum (ETH) nel 2016 a seguito di un attacco hacker al sistema in cui sono stati rubati circa 50 milioni di dollari in fondi. È stato a questo punto eseguito un hard fork per proteggere la rete e restituire i fondi rubati ai proprietari originali. Un hard fork è una modifica importante ad un protocollo blockchain che potrebbe rendere validi o non validi i blocchi o le transazioni già confermati. Un hard fork richiede agli sviluppatori ed ai nodi di accettare l'aggiornamento o la modifica drastica dei protocolli. A volte un hard fork non è concordato da tutti i partecipanti, il che può creare preoccupazione, dibattito e sicuramente critiche.

Il fork di Ethereum è stato ampiamente dibattuto dalla comunità, così come è stato dibattuto se supportare Ethereum Classic o Ethereum dopo il fork. I critici hanno sostenuto che si trattava di una violazione del principio ampiamente diffuso che recita “Il codice è legge“, secondo cui i parametri di governo del software sono stabiliti nel codice originale e non possono mai essere arbitrariamente modificati. Altri hanno affermato che il fork dimostra che gli attacchi dannosi al sistema possono viceversa essere gestiti ripristinando efficacemente i fondi delle persone coinvolte.

La fork di Bitcoin

Nel 2017, anche Bitcoin ha attraversato un hard fork che ha portato a due blockchain separate; l'originale Bitcoin e Bitcoin Cash. A quel tempo, la comunità Bitcoin stava cercando di determinare come migliorare la scalabilità della rete e la capacità di elaborare più transazioni contemporaneamente. Man mano che nuove transazioni vengono aggiunte ad una rete, se sono tante, elaborarle contemporaneamente può essere difficile se non impossibile. Ad esempio, Bitcoin può elaborare solo un megabyte di transazioni alla volta, il che ha portato a noti ritardi nel completamento delle transazioni.

Durante il fork, una proposta per aumentare tale dimensione media del blocco nella blockchain di Bitcoin è stata respinta dal team di sviluppo principale della criptovaluta, nonostante le elevate commissioni di transazione rendessero insostenibile l'uso del Bitcoin come mezzo di transazione quotidiana. L'unico “collegio elettorale” che beneficiava di commissioni di transazione elevate era quello dei minatori. Alla fine, un gruppo di sviluppatori e minatori si è trasferito per creare la propria criptovaluta con dimensioni dei blocchi variabili. L'hard fork tra Bitcoin e Bitcoin Cash è stato fatto dunque per aumentare il limite di elaborazione da uno ad otto megabyte.

Il futuro della governance on-chain

La governance on-chain è emersa come alternativa agli esaminati sistemi di governance informali. Questa nuova filosofia di governance afferma di risolvere i problemi della centralizzazione di Bitcoin incorporando tutti i nodi all'interno di una rete blockchain nel processo decisionale. La tecnologia Blockchain offre un approccio inclusivo alla tecnologia in cui tutti i partecipanti possono condividerne i vantaggi. Siccome la comunità blockchain e le loro reti cercano di migliorare la scalabilità consentendo di elaborare più transazioni e competere con i tradizionali sistemi di pagamento elettronico, quali ad esempio Visa, è probabile che gli aggiornamenti alla tecnologia continuino.

Questi cambiamenti continueranno cioè ad essere implementati nel tentativo di migliorare sempre di più la tecnologia blockchain ed i vantaggi che la community potrà condividere. La governance on-chain probabilmente si concentrerà sul miglioramento della trasparenza e della fiducia nel processo di realizzare un libro mastro distribuito, man mano che tali cambiamenti e miglioramenti verranno implementati. Ad ogni modo, l’obiettivo della comunità blockchain sarà quello di garantire che la governance on chain non si riveli in gran parte controllata da un piccolo gruppo di sviluppatori e minatori, i quali viceversa finirebbero per implementare qualsiasi modifica a loro piacimento.