Il mondo degli NFT: Decentraland

Fondato nel 2017 dagli imprenditori argentini Ari Meilich ed Esteban Ordano, Decentraland è il primo mondo virtuale completamente decentralizzato, che combina elementi di Second Life e Minecraft con tecnologia all'avanguardia tra cui principalmente realtà virtuale e blockchain.

La criptovaluta MANA di Decentraland

La criptovaluta base di Decentraland, MANA, può essere utilizzata per acquistare appezzamenti di terreno di 10x10m (cosiddetti $LAND). LAND è un token ERC-20, che consente agli acquirenti di rivendicare una prova indiscutibile della proprietà di queste “trame virtuali”.

Come valuta, MANA può anche essere utilizzato per interagire con altri utenti, nonché per acquistare oggetti virtuali e skin. L' ICO Decentraland per il token MANA basato su Ethereum ha inizialmente raccolto 20,7 milioni di dollari ed è andato esaurito in esattamente cinque minuti! Successivamente, si è tenuta un'asta dei LAND che ha visto circa 161 milioni di token MANA spesi dagli utenti per acquistare i relativi terreni virtuali (siamo attorno agli 8,8 milioni di dollari).

I nuovi proprietari terrieri possono dunque utilizzare il terreno acquistato come investimento su cui vendere o costruire i propri possedimenti. Da dimore giganti per tenere delle feste, alle foreste magiche, gli unici limiti in Decentraland sono l'immaginazione e lo spazio a disposizione del creatore.

Un mondo veramente decentralizzato

Invece di essere detenuto dagli sviluppatori, ogni token MANA speso viene bruciato, per garantire il completo decentramento. A partire dal lancio pubblico ufficiale di Decentraland nessun singolo utente ha il potere di modificare le regole del software, modificare l'economia di MANA, aggiornare i contratti intelligenti di LAND o impedire ad altri di accedere al mondo virtuale. Ciò significa che tutta la sua infrastruttura è gestita dalla comunità e nessuna singola azienda avrà mai il potere di modificare il mondo o impedire ad altri di accedervi.

Il DAO di Decentraland

Per farò ciò è stata istituita una DAO, organizzazione autonoma decentralizzata, in grado di prendere in carico tutte le decisioni di governance.

Il DAO concerne i contratti intelligenti più importanti che caratterizzano Decentraland, tra cui il contratto LAND, i contratti di diritto immobiliare, le skin ed il mercato all’interno dell’ecosistema. Attraverso la DAO, i giocatori potranno votare su aggiornamenti delle politiche, future aste LAND, whitelisting di contratti di ulteriori token non fungibili (NFT) da consentire all'interno del mondo virtuale, Marketplace e altro ancora. La votazione avviene sull'interfaccia di governance dedicata.

Lo stesso DAO è supportato dal Security Advisory Board (SAB), che funge da garante della sicurezza del contratto. Il SAB ha il potere di correggere i bug ed, insieme alla comunità, può anche proporre votazioni per le quali la comunità dovrà esprimersi.

I vantaggi di un approccio DAO sono evidenti. Esso garantisce che nessuna singola entità controlli il mondo di Decentraland, in quanto il potere viene distribuito tra i suoi abitanti. In un mondo in cui il controllo e le modifiche degli sviluppatori spesso portano a conflitti con i giocatori e possono persino provocare un calo della user base.

I DAO, tuttavia, hanno un aspetto negativo. A differenza, ad esempio, di un moderatore di reddit con il potere di eliminare commenti e bandire gli utenti malevoli, il DAO di Decentraland, rende il mondo intero senza legge e senza un'autorità centrale in grado di brandire un “ban-hammer”. È certamente un rischio che vale la pena considerare. Gli utenti possono tuttavia impostare filtri per garantire che siano protetti da determinati tipi di contenuto.

Come con Internet stesso, l'apertura e la libertà hanno un prezzo e spetta a ogni individuo chiedersi se è disposto a pagarlo. Ciò che è certo è che lo sviluppo delle economie virtuali porterà a molte persone vantaggi discendenti dalla capacità di trascendere i limiti che le “comunità offline” altrimenti imporrebbero.

Situazione degli NFT in Asia

Il fatto che gli NFT non abbiano ancora preso piede in Cina non sorprende. Oggetti da collezione digitali, opere d'arte e appezzamenti di terreni virtuali sono concetti esoterici che richiedono una profonda conoscenza delle criptovalute e della conoscenza del settore, e quantomeno un buon inglese. Tuttavia, sembra essere scoccata una prima scintilla per gli NFT anche in Cina. Il da bing di questa settimana guarda al mercato NFT dirigendosi specialmente verso un progetto: Dragon City, il più grande appezzamento di terra unitario su Decentraland.

Dragon City è la più grande trama di spazio virtuale all'interno di Decentraland. Possiamo pensare a Decentralando un po' come a Second Life, ma su una blockchain.

A differenza di Second Life, l'idea è che qui gli utenti possano creare, sperimentare e soprattutto monetizzare ciò che costruiscono e possiedono. Ad esempio, affittare un lotto di terreno ad un altro utente genera delle entrate, così come costruire un casinò sul terreno e far pagare agli utenti criptovaluta per usarlo.

Guardando il piano di costruzione di Dragon City, si possono trovare concetti veramente antichi come lo Yin / Yang , Sixiang e Bagua, i quali rappresentano i principi con cui gli antichi cinesi costruivano case, villaggi e città.

Ad esempio, le mappe della città mostrano che il lago è situato a sinistra di una montagna perché i laghi normalmente rappresentavano lo Yin, che secondo le regole del Taoismo, deve trovarsi sul lato ovest dello Yang (rappresentato dalle montagne).

Le NFT incarnano proprietà, e valore.

Nella vita reale, secondo la legge cinese non esiste la proprietà privata della terra. Le persone possono usare la terra, ma non la possiedono. Il concetto stesso di possedere effettivamente qualcosa, anche se virtuale, diventa in questi contesti dunque veramente attraente!

Se la proprietà è il primo passo per comprendere il possesso degli appezzamenti di terreno, il secondo passo è la loro valutazione. Decentraland opera su due tipi di monete digitali. Il già accennato $MANA distribuito mediante ICO nel 2017, e successivamente $LAND, il token NFT che rappresenta veri e propri appezzamenti di terra che le persone possono accumulare. (Dragon City stessa, per darvi un’idea è composta di 6485 particelle LAND). Qui entra in gioco il vero valore economico.

La convinzione dei creatori è che, proprio come gli immobili nel mondo reale, un appezzamento di terreno si apprezzerà solo se diventerà più desiderabile. E diventerà più desiderabile solo se viene sviluppato. Commercializzare Dragon City in lingua cinese quale prima prima città a tema orientale su blockchain può attirare anche investitori stranieri interessati alla cultura cinese.

Giocare la carta della cultura, nonostante sia nobile, è un passo insufficiente, il team che ha in dotazione lo sviluppo di Dragon City dovrà costruire un'intera città con caratteristiche che attirino le persone e conseguentemente convincerle a trascorrere il proprio tempo su una piattaforma che, almeno in questo momento, ha poco più che dei graziosi murales. 

La “scarsità” in Decentraland

Fortunatamente, o sfortunatamente, il mercato delle criptovalute non valuta mai un token in base al suo valore intrinseco. Allo stesso modo in cui i cryptokitties sono diventati un successo dall'oggi al domani nel 2017, il team che sviluppa i LAND di Dragon City intende creare un vero “senso di scarsità” cosicché la città orientale virtuale possa distinguersi dalle altre migliaia di lotti di terreno messi all'asta sulla blockchain. Questo tipo di narrazione potrebbe essere il vero valore intrinseco del mercato NFT.

Vincent Niu, fondatore di DappReview e appassionato sostenitore di token NFT, ha dichiarato che “affinché gli NFT ottengano una vera adozione di massa in Cina, il prodotto dovrà essere associato ad un marchio esistente dotato di un ampio gruppo di follower.

Gli esempi possono essere anche i Topshots NBA di Dapperlabs dei quali vi abbiamo già parlato in un precedente articolo. Essi hanno appunto cercato di sfruttare una vasta base di fan, dell’NBA nello specifico. Questo tipo di “connessioni con la realtà offline” sono particolarmente cruciali in Cina, dove il culto delle celebrità è decisamente forte. Dalle celebrità agli influencer, la psicologia del comportamento di gruppo si è manifestata nella fiorente “economia dei fan” che oggi vale molti miliardi.

Per Dragon City l'hook offline potrebbe essere il prossimo passo cruciale per rendere gli NFT davvero desiderati in Cina.

Il futuro di Decentraland

Decentraland è ora ufficialmente disponibile. Finora, l'unico mercato che è emerso è quello dedicato ai LAND. Oltre 30 milioni di dollari di LAND sono stati acquistati nelle vendite primarie, con oltre 20 milioni di dollari acquistati nel mercato secondario. Considerando il fatto che stiamo parlando di persone che acquistano proprietà virtuali in un gioco appena lanciato, è difficile non rimanere colpiti da cifre di questa portata.

Gli accessori per avatar, come vestiti e armi, rappresenteranno una quota maggiore dell'economia, perché questi oggetti sono accessibili a tutti i giocatori anche senza vere e proprie proprietà terriere. Infatti per “giocare” alla virtual reality supportata da Decentraland non è assolutamente necessario anche possedere le relative trame virtuali, Si può anche semplicemente entrare nel mondo per visitarlo ed esplorarlo. Guardando come giochi quali Roblox Fortnite hanno fatto soldi con le skin ed avatar è probabile che il fenomeno si possa ripetere anche in Decentraland.

Diversi marchi interessati stanno già sviluppando contenuti di marketing ed educativi da piazzare all’interno di questo mondo virtuale. Essi considerano Decentraland un'opportunità per attingere ad una nuova forma di comunicazione

È impossibile prevedere il futuro, per non parlare di un mondo virtuale nuovo di zecca gestito dai suoi stessi abitanti. Allo stato attuale, tuttavia, Decentraland sembra destinato a divenire un incredibile esperimento sociale nel peggiore dei casi, e, nel migliore dei casi, un nuovo paradigma rivoluzionario.