Home Ultime Notizie Il punto su DeFi e regolamentazione europea

Il punto su DeFi e regolamentazione europea

Gli organizzatori della Brussels Blockchain Week si sono prefissati degli obiettivi specifici quando hanno deciso di ospitare tale evento: introdurre i cripto-curiosi al settore DeFi; mostrare l'ecosistema blockchain belga; e costruire alcuni ponti tra l'industria e le autorità di regolamentazione. “Se c'è una cosa che Bruxelles simboleggia per le persone è la regolamentazione“, ha dichiarato il co-fondatore dell'evento Christophe de Beukelaer prima della conferenza.

Un deputato di Bruxelles, de Beukaleur, ha fatto notizia quando si è impegnato a prendere il proprio stipendio in Bitcoin quest'anno, una decisione che ha detto di non rimpiangere nonostante il recente crollo della criptovaluta. Proprio lui e l'investitore Raoul Ullens hanno lavorato insieme per organizzare la Brussels Blockchain Week. “Non siamo massimalisti o anarchici”, ha detto. “Pensiamo che le criptovalute abbiano qualcosa da dare al mondo. E non pensiamo che distruggerà il vecchio mondo, ma che coesisterà”.

Regolamentazione e innovazione

Poche settimane prima che le istituzioni europee pubblichino la versione definitiva di Markets in Crypto Assets (MiCA), vi sarà un atto legislativo chiave che unificherà gli approcci alle criptovalute in tutti i 27 stati membri, la prima Settimana Blockchain di Bruxelles in assoluto è stata posizionata come una sorta di conferenza di pace tra innovatori digitali e regolatori finanziari. Il primo giorno, l'umore riguardo al regolamento in questione è stato tuttavia contrastante.

Ci stiamo impegnando per essere regolamentati“, ha affermato Martin Bruncko, vicepresidente esecutivo per l'Europa di Binance, noto exchange di criptovalute, indicando le recenti approvazioni di licenza dell'azienda in Francia ed Italia. Secondo i piani attuali, le aziende sarebbero in grado di ottenere l'approvazione in uno stato membro e con essa un “passaporto” paneuropeo per offrire servizi in tutta Europa, risparmiando il fastidio di conformarsi con ciascun regime fiscale individualmente. “Ci vorrà molto lavoro [per ottenere la licenza iniziale]“, ha affermato Laura Chaput, responsabile della conformità normativa presso Keyrock, market maker con sede a Bruxelles. “Ma abbracciamo la regolamentazione, e vogliamo avere un quadro normativo chiaro“.

Per altri c'era il timore che la regolamentazione mettesse fine al percorso prima ancora che avesse avuto la possibilità di iniziare. “L'eccessiva regolamentazione uccide l'appetito degli sviluppatori“, ha affermato Darius Rugys, socio accomandatario di Maven 11 Capital. “Uccide l'innovazione“.

Il caso europeo

De Beukelaer ha definito l'approccio della regolamentazione preventiva come un problema europeo. “In Belgio, in Europa, il problema è che siamo troppo conservatori e avversi al rischio“, ha affermato. “Siamo troppo preoccupati per ciò che potrebbe accadere“.

I relatori hanno più volte fatto riferimento al concetto di “educare” i legislatori, in quanto l'idea prevalente è che non capiscano il settore ma stiano comunque andando avanti con l'imposizione di regole su di esso. Ma non è ancora chiaro se politici e professionisti delle regolazioni di settore siano aperti a ricevere un'istruzione in tal senso. Mi piacerebbe davvero che fossero qui, ad ascoltarci ed a socializzare con noi per imparare cosa sta accadendo“, ha commentato Jonas Wenke, un socio della VC Commerzventures.  Questo dopo che ha fatto un sondaggio tra i presenti per chiedere quali partecipanti provenissero dalle istituzioni europee. Nessuno ha alzato la mano.

Tuttavia, gli eurocrati non erano del tutto assenti dalla conferenza. Peter Kerstens, consulente per la digitalizzazione del settore finanziario e la sicurezza informatica presso la Commissione europea, ha tenuto un discorso in cui ha rapidamente stabilito da che parte stare. “Io stesso sono molto, molto ottimista su blockchain e Web3“, ha detto al pubblico. “Riteniamo che il più ampio [uso] della tecnologia di contabilità sia evolutivo” ha affermato Kerstens.

Markets in Crypto Assets (MiCA)

Il MiCA è già in discussione da anni, anche se c'è ancora un po' di confusione su come apparirà il regolamento finale. Kerstens ha affermato che, mentre le discussioni sono in corso, le attuali proposte includerebbero “sicuramente” il tema degli NFT. Lo stato del Web3 più in generale, tuttavia, è meno chiaro, in quanto, come ha sottolineato Kerstens, la legislazione è rivolta ad intermediari come gli exchange: imporre regole su un progetto di finanza veramente decentralizzata sarebbe molto più difficile.

Al momento non siamo sulla buona strada per regolamentare la DeFi perché è molto raro avere qualcosa di veramente decentralizzato“, ha detto Kerstens. “Ma ciò potrebbe cambiare”. Ha aggiunto anche che la Commissione europea ha “molte pessime idee” su come regolamentare la DeFi e “nessuna di buona”, incoraggiando i partecipanti a dare ogni suggerimento utile.

Un Euro digitale?

Come sempre, c'è frustrazione per il lento ritmo del cambiamento a livello di governo e nelle istituzioni finanziarie. Pierre Person, un deputato francese che ha trascorso il suo ultimo giorno in carica alla conferenza, ha usato come esempio la lenta corsa verso il lancio di un euro digitale. “La BCE dice che tra tre anni ci sarà un euro digitale  ma non possiamo aspettare così a lungo“, ha affermato. “Dobbiamo aprire subito una regolamentazione per avere una stablecoin privata in Europa“.

Ha aggiunto che se le società europee non fossero state in grado di costruire una stablecoin sostenuta dall'euro a causa di una regolamentazione incerta, si sarebbe preoccupato che qualcuno al di fuori dell'eurozona finisse per controllare la forma dominante dell'euro digitale. La scorsa settimana Circle, con sede negli Stati Uniti, ha annunciato il lancio di un asset digitale supportato dall'euro chiamato Euro Coin.

La realtà è che stiamo sovra-regolando il Web3 perché abbiamo paura“, ha chiosato De Beukelaer. “Stiamo cercando di regolamentare prima di conoscerne i casi d'uso“.