Home Ultime Notizie Le criptovalute approdano al Salone del Mobile di Milano: a fare da...

Le criptovalute approdano al Salone del Mobile di Milano: a fare da apripista l’azienda veneta Lago

Dal 7 al 12 giugno prossimi si svolgerà la sessantesima edizione del Salone Internazionale del Mobile di Milano. In concomitanza con questo evento, Lago annuncia un’importante novità per i propri clienti legata al mondo delle monete elettroniche. L’innovazione nel design si incontra con quella della blockchain, creando un servizio in più per gli avventori. Sempre di più, infatti, le criptovalute vengono usate anche da utenti comuni, per comprare sui marketplace on line o nei negozi fisici, oggetti di poco prezzo fino a abbigliamento di lusso e automobili. Perché non comprare anche l’arredo casa, quindi?

Per Lago sempre più innovazione: nel campo del design così come nei pagamenti

Proprio in occasione del Salone del Mobile, l’azienda padovana Lago, famosa a livello internazionale per i propri progetti e complementi di arredo di lusso, ha deciso di aprire le porta dei propri negozi ai pagamenti in Bitcoin. Infatti, a fare da apripista per questa importante novità, saranno proprio i due store monomarca presenti nel capoluogo lombardo, rispettivamente nel quartiere di Porta Nuova e in quello di Porta Romana. In questi due negozi sarà possibile, dunque, a partire dalla prossima settimana, pagare in contanti, con carte e anche in criptovalute: saranno accettate le principali, tra cui ovviamente Bitcoin, Ethereum, Shiba Inu, Binance Coin, Dogecoin e Solana.

Per Lago, leader del settore del design, è un modo per mostrare ancora una volt la sua capacità di restare al passo coi tempi e di anticipare le innovazioni. Il costante impegno per restare aggiornati sui trend digitali, così da soddisfare le richieste dei membri della propria community di oltre quindici milioni di persone, è un chiaro obiettivo per l’azienda, che è, tanto per citare un esempio, la prima realtà del settore ad aver aperto un canale sul social network Tik Tok. Abbattere la barriera tra reale e digitale è una prerogativa di Lago, lo dichiara lo stesso amministratore delegato Daniele Lago, che mette subito in chiaro la volontà di andare incontro alle esigenze dei clienti, aprendosi al web 3.

Non ci stupirebbe, quindi, che a breve possano arrivare nel Metaverso o che creino dei propri NFT. Stiamo a vedere.

Salone Internazionale del Mobile: la giusta occasione per introdurre le criptovalute come metodo di pagamento

La scelta di proporre questo nuovo servizio in concomitanza con l’evento del Salone del Mobile di Milano non è di certo una casualità, una coincidenza. Per capire il perché dell’importanza di questa decisione, è bene fare prima un passo indietro e spendere un paio di parole sul Salone del Mobile. Infatti, il Salone Internazionale del Mobile di Milano è la più importante fiera di settore del Mondo, si tratta di un vero e proprio appuntamento irrinunciabile per gli operatori, gli addetti del settore, i designer e i rivenditori specializzati in arredo e complementi per la casa. La prima edizione si svolge nel capoluogo meneghino nel 1961, oltre sessant’anni fa, e pur essendosi spostato nel 2005 presso la fiera di Milano a Rho, resta indissolubilmente legato alla sua città. Sì, perché oltre al Salone, in città si svolge la Design Week con una serie di appuntamenti, raggruppati sotto il nome di Fuorisalone, dislocati per tutto il centro storico, in particolare nei quartieri di Tortona, Brera e Isola. In questa settimana, dunque, si riversano su Milano, migliaia e migliaia di persone provenienti da tutto il Mondo: va da sé, quindi, che la scelta di Lago di puntare sui negozi all’ombra della Madonnina per lanciare la novità della possibilità di acquistare per mezzo di cripto sia stata quanto meno astuta. In questo modo, oltre all’interesse e alla curiosità fisiologica che si viene sempre a creare quando si introducono iniziative di questo tipo, si andrà anche incontro agli utenti finali, facilitando gli acquisti e rendendoli più veloci e immediati, rendendo ancora più chiaro, qualora servisse, l’enorme potenzialità degli asset digitali.